Italian Comics Logo
Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - sabato 18 novembre 2017
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

La Repubblica delle “ mazzette”…

Pubblicato martedì 29 dicembre 2015 alle 17:58:43 - By Giuseppe La Micela

La Repubblica delle " mazzette"...

 

Vignetta di Giuseppe La Micela

 

Siamo uno dei paesi più corrotti del mondo, e non sembra vi sia la possibilità di risolvere il problema in tempi brevi.

 

Perché, allora, non legalizzare la corruzione? Almeno, tutti, conoscendo le regole, potrebbero partire “ad armi pari”, senza privilegiare, ad esempio, gli amministratori della cosa pubblica  che, assai spesso, gestiscono come “ cosa loro”…


 Gli uomini d’affari potrebbero liberamente incontrarsi e scambiarsi le mazzette. I politici, seppure al riparo da una legge sulla “prescrizione breve” che evita loro il carcere, potrebbero, comunque, partecipare a “testa alta” ai vari Talk Show televisivi, senza essere costretti a mentire sulla loro moralità.

 

Il Furto sarebbe elevato a pubblica virtù, la corruzione non verrebbe in alcun modo stigmatizzata da  pochi, fastidiosi censori ,perché il termine sarebbe escluso persino dal vocabolario.

 

L’onesto, giustamente guardato con sospetto, quale sovvertitore del nuovo  ordine costituito, si sarebbe immediatamente adeguato al “sentire comune”, modificando il suo antiquato stile di vita.

 

Non è questa la vera “rivoluzione liberale” del Paese?...

Romano Garofalo

I vostri commenti...

Postato da Teglia :: martedì, 05 gennaio 2016 - 15:20:48

Valida alternativa! Eheheheh

Rispondi al commento >
Postato da Mirco :: martedì, 05 gennaio 2016 - 15:22:46

#einvece

Rispondi al commento >
Postato da Elvira B. :: martedì, 05 gennaio 2016 - 15:27:56

Ricordo una celebre frase di Brecht:

"La corruzione è la nostra unica speranza. Finché c'è quella, i giudici sono più miti, e in tribunale perfino un innocente può cavarsela."

Rispondi al commento >

Lascia un commento





Trascina per confermare!