Italian Comics Logo
Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - mercoledì 18 ottobre 2017
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

aaa a a

欢迎到我们的完美的网站 

01 set 2017 Leggi tutto >

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Dimmi che faccia hai, e ti dirò chi sei…

Pubblicato mercoledì 06 gennaio 2016 alle 18:48:39 - By Marco Vuchich

La guerra termonucleare del Dott Stranamore...

 

Vignetta  di Marco Vuchic


Cesare Lombroso era un medico, antropologo del primo novecento, rimasto celebre per una sua teoria che supponeva che l’origine del comportamento criminale era da addebitarsi alle caratteristiche anatomiche e fisiognomiche della persona.


Insomma, nella vulgata popolare, guardare in faccia qualcuno ne rivelava le caratteristiche criminali o, quantomeno, più semplicemente, la cosiddetta 
“faccia da imbecille”.


Perché questa breve citazione? Ma lo avete visto Kim Jon-un,best replica watches il dittatore nordcoreano che, proprio in questi giorni, ha fatto esplodere la bomba all’idrogeno e sta mostrando i muscoli ( eufemisticamente parlando, perché  è “tondo” come una palla da bowling ) al mondo intero?...


Vi sembra possibile che uno così possa reggere i destini di una nazione, la Nordcorea, e mettere a possibile rischio la sicurezza dell’intero globo? Si dirà che la sua è solo una provocazione, una velleitaria dimostrazione di forza.


Già, ma chi non ricorda Il Dottor Stranamore, ovvero, “come iniziai a non preoccuparmi e ad amare la bomba”, un film del 1964 di Stanley Kubrick.


Nel film un generale psicopatico e guerrafondaio, il generale Jack Ripper, convinto, nel suo delirio, che la Russia stesse per scatenare una guerra nucleare contro l’America e che fosse necessario prevenirla, non trovò di meglio che lanciare la cosiddetta “bomba totale” che avrebbe completamente annientato l’intera umanità.


Certo, si tratta di un film, mentre nella realtà i governanti e, in generale, il personale politico che regge le sorti delle nazioni è certamente  più responsabile ed affidabile…ma poi, come in una veloce carrellata cinematografica, mi corre per la mente il volto dei nostri La Russa, Santanchè, Brunetta, Gasparri, Salvini ecc, e allora comincio a preoccupami un po’…


Infine mi rassicuro: questi personaggi non sarebbero in grado neppure di lanciare  una “battaglia navale”,corum replica watches di quelle che si facevano a scuola, tra  compagni, per passare il tempo durante le lezioni più noiose…figuriamoci una guerra termonucleare…


Al massimo mi vedo Ignazio la Russa, col cappello con pennacchio in testa e spadone in mano, alla maniera degli Ussari, che urla “avanti, miei prodi”, ma poi compare il solo Romano Prodi…

Romano Garofalo

 

Vignetta di Giuseppe La Micela

 

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!