Italian Comics Logo
Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - domenica 17 dicembre 2017
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

La Befana va all’attacco, col job Act nel suo sacco…

Pubblicato giovedì 07 gennaio 2016 alle 17:00:56 - By Mario Bochicchio

La Befana dei nostri giorni...

 

Vignetta di Mario Bochicchio

 

I più sognatori tra voi, quelli che, oltre a guardare dove mettere i piedi, rivolgono ogni tanto lo sguardo al cielo, avranno visto (o immaginato, fa lo stesso…) il giorno dell’Epifania, una cara, riconoscibile ed amata vecchietta, attraversare velocemente l’aere per giungere a casa di ogni bambino e 
portare  il lungamente sospirato dono.


Si saranno commossi, andando con la memoria ai lontani e felici anni dell’infanzia, quando erano soliti aspettare, in grande trepidazione, tra i sorrisi complici e compiaciuti dei genitori, accanto al caminetto scoppiettante, l’arrivo della Befana, che però di sera non arrivava mai. Ma alla mattina trovavano i regali nella calza e capivano che, anche quella volta, la cara vecchina si era ricordata di loro.


NIENTE DI TUTTO CIO’, QUEST’ANNO!!!


I più sfigati tra voi, quelli che hanno perso il lavoro, o sono in cassa integrazione, non ne trovano un altro, sono così sfiduciati che, invece di guardare sul giornale le offerte di lavoro, consultano i necrologi, non hanno più i soldi per pagare le bollette, anche se poi tra poco non  sarà più un problema perché stanno per essere sfrattati…
 

ebbene tutti costoro, se hanno rivolto lo sguardo al cielo, non per una vaga speranza di un qualche positivo cambiamento, ma solo perché non hanno un cazzo da fare da mane a sera, non avranno visto l’accattivante vecchietta dei bambini, ma un tipo buffo, con due dentini sporgenti che assomigliava stranamente (ma non tanto…) al Presidente del Consiglio,  


e che portava in dono il “Job Act a tutele crescenti”, una riforma del lavoro che prevede assunzioni a tempo indeterminato, con una piccola clausola, di quelle che negli atti pubblici si vedono e non si vedono, e che dice che il padrone ti può licenziare, cioè “mandare fuori dalle balle” in qualsiasi momento.


Insomma, una  bella supposta “a corrente alterna”: va e viene come le pare e sembra portare con se una sgradevole sensazione di “presa per il culo”.

D’altra parte, cosa pretendere  da una supposta?...  fa il suo dovere… 

Romano Garofalo

 

I vostri commenti...

Postato da Pippo Raudo :: martedì, 12 gennaio 2016 - 10:16:59

Siete semplicemente delirevoli.

Rispondi al commento >

Lascia un commento





Trascina per confermare!