Italian Comics Logo
Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - lunedì 21 agosto 2017
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Elogio della povertà

Pubblicato venerdì 16 settembre 2016 alle 15:55:26 - By Lorenzo Zaccaria

Elogio della povertà...

 

Vignetta di Fabio Magnasciutti

 

Beati voi poveri che non siete sempre schiacciati dal peso del denaro. No, non sono matto; sono ben consapevole di ciò che dico e confermo tutto. Essere poveri è una benedizione. Innanzitutto non dovete fare la fatica enorme di firmare tutte quelle scartoffie per aprire conti nei posti più distanti del globo. Non sapete quanto sia spossante dover avere un sacco di liquidità alle Cayman, a Panama ed in Svizzera contemporaneamente.


 Vi giuro che poi per colpa del fuso orario, a forza di viaggiare, ci si sente strani; una volta addirittura stavo per diventare cosciente e ahimè quasi stavo per sentirmi in colpa a defraudare il fisco. Meno male che è passato. Inoltre voi ignorate quanto siano noiose tutte quelle serate, quanto siano pesanti quei cocktail e quei gamberetti; non avete idea di quanto preferirei sdraiarmi sul divano come voi zotici e guardarmi una partita. Invece io, per avere una scusa per guardare la partita, dovrei comprare l'intera squadra. 


Non mi stancherò mai di ripeterlo, non avete idea di quanto siate fortunati voi poveracci, voi nullatenenti e voi straccioni. Beati gli ignoranti contadini, beati!
 

Pensate che ogni volta in cui qualcuno mi firma un assegno mi tocca andare fino in banca, fare una coda esagerata e tornare indietro con le tasche piene di soldi. Ma cosa lo dico a fare, voi non avete idea di quanto sia pesante il vile denaro, siete baciati dalla sorte. A volte vorrei anche io dimenticare come si scrive ed andare a zappare la terra come voi servi ma poi capisco che senza di me questo mondo rischierebbe di essere equo, senza più conflitti.


 Inammissibile.
 

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità e io ho il dovere di prendermi cura di voi poveracci. Non voglio che mangiate troppo perché poi ingrassate. Non voglio che possiate comprarvi nulla perché più avete più desiderate ed io non voglio che diventiate avidi. Non voglio che impariate a leggere e a pensare perché poi capireste che quello che vi sta intorno non è bello e diverreste tristi.
Meno male che ci sono io che penso a voi.
 

Vi saluto cari spiantati, beati voi che vi tocca lavorare mentre io devo sopportare il caldo delle Bahamas, inviatemi una cartolina dalla fabbrica!

 

Lorenzo Zaccaria

I vostri commenti...

Non ci sono ancora commenti per questo articolo...

Lascia un commento





Trascina per confermare!