Italian Comics Logo
Quotidiano Multimediale Interattivo di Satira politica e di costume. Registrazione Tribunale di Rimini N.4 del 20 maggio 2014. Direttore responsabile: Romano Garofalo - sabato 22 luglio 2017
Sommario
Animation Cartoon Collage

News

DONNE DU DU DU di Pietro Vanessi & Lucilla Masini

Sabato 26 novembre • ore 19, Pietro Vanessi & Lucilla Masini presentano: "Donne...

22 nov 2016 Leggi tutto >

Satirichinson

  E' uscito il libro SATIRICHINSON di Mario Airaghi con la saga dei personaggi dalle...

14 nov 2016 Leggi tutto >

L'Italia in satira, dagli anni '70 ai giorni nostri - Roma - Luglio 2016

Per tutto il mese di Luglio si terrà presso la Biblioteca Marconi di...

23 giu 2016 Leggi tutto >

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.

Concorso internazionale di satira disegnata a partecipazione gratuita.  BANDO DI CONCORSO...

04 mag 2016 Leggi tutto >
Bem Calavera - Grafico, illustratore, web designer

Cronache dal palazzo

Articoli


Il Mondo di Mezzo

Pubblicato lunedì 05 gennaio 2015 alle 15:23:50

satira politica

 

Volete la verità sulla Mafia Romana?


Allora devo innanzi tutto dire che i dirigenti del Pd romano che affermano che non avevano idea di quel che stava succedendo dicono la verità. Ma è una verità più tragica di un’ammissione di complicità con i ladri. La tragica verità è che questi dirigenti del Pd non avevano visto Report, non avevano letto le inchieste sui giornali, non sapevano che c’erano giornalisti che avevano realizzato queste inchieste, che giravano sotto scorta per le minacce ricevute.


Come fai a essere dirigente di un partito progressista ed essere più cieco di una scimmietta con le mani davanti agli occhi? E per sapere quanto si stava rubando non avevano neppure la necessità di leggere i giornali, bastava che guardassero i bilanci. Che era in corso una rapina lo si vedeva a occhio nudo dal fatto che si spendevano decine di milioni di euro per i campi nomadi e i rom vivevano nell’immondizia. Oppure potevano andare a guardare quanto costa lo smaltimento dei rifiuti di Roma.


La notizia tragica è che il primo partito italiano ha dentro una cospicua quantità di dirigenti che non ha la minima idea di cosa sia un’azienda che funziona. Essere onesti non basta, bisogna saper fare il proprio mestiere. I partiti di destra storicamente sono il braccio armato del malaffare.
A sinistra la corruzione ha una forma diversa, la struttura del partito è onesta ed etica, con moltissime persone che ci credono, ma il sistema di selezione dei dirigenti funziona in modo tale che oltre un certo livello viene premiata più la scaltrezza e l’oratoria che la capacità professionale.


Oggi, gli amici del Pd che ci credono veramente hanno una grande possibilità per rinnovare il loro partito, stabilendo una nuova semplice regola: tutti i dirigenti che non si sono accorti che nel loro settore sguazzavano le mele marce sono esclusi a vita dagli incarichi perché manifestatamene incapaci.
Se non aver visto e non aver capito diventano macchie sull’onore professionale, allora quelli che hanno occhi per vedere iniziano a far carriera. Io credo che si debba ripartire dalle cose piccole per fare grandi raccolti.


E quindi voglio aggiungere a questo accorato appello agli amici del Pd anche un invito a chi, qualunque sia la sua bandiera, crede che valga la pena di agire. La serie di scandali che sta investendo l’Italia è a un livello che supera lo stupefacente (Expò, Mose, spese pazze dei Consigli Regionali, Mafia di Roma…). La gente è sempre più disgustata e l’economia non può ripartire se non vengono attuate misure essenziali contro il malaffare. La situazione è paradossale e ci dà un vantaggio tattico spaventoso.


In questo momento anche le blande misure che Renzi aveva promesso contro la corruzione sono bloccate. Ed è ovvio che molte persone iniziano a chiedersi: ma com’è che Renzi non mantiene le promesse? È assurdo: il governo Renzi non sta attuando i punti principali del suo programma!!!


Ma in questo momento chi sta all’opposizione non è impegnato a pretendere che Renzi mantenga le promesse. Nessun parlamentare del M5S o del Sel si imbavaglia per ottenere che venga subito messo ai voti il pacchetto anticorruzione. Questo succede perché vogliono aver la soddisfazione di migliorare quelle leggi. Proposito encomiabile quanto disastroso, perché alla fine le leggi non si fanno. Allora, benedetti onorevoli, vogliamo fare che approviamo queste che sono le proposte di Renzi e poi vi battete per migliorarle? La maggioranza dei parlamentari dell’opposizione progressista non ha ancora compreso la strategia dei piccoli passi… Va beh, intanto che aspettiamo che i pochi parlamentari che l’hanno compresa (ci sono!) la spieghino ai colleghi, mi sa che quelli della società civile, i senza partito, è il caso che si diano una mossa.


Quindi la mia domanda è: ci sono un po’ di persone che hanno voglia di darsi da fare per lanciare una campagna per ottenere l‘immediata approvazione delle misure anticorruzione? Vorrei provare a organizzare un gruppo di lavoro via web. Astenersi anime perse che desiderano fare discussioni che non finiscono più. Servono gruppi di pressione, happening, video virali, canzoni, fumetti, articoli, approvazione di mozioni indirizzate al governo da parte di consigli comunali e sezioni dei partiti, assemblee sindacali, di soci coop, Arci, club macrobiotici e simili: vogliamo le misure anti corruzione subito! Bisogna dirlo ovunque.


Riuscirci è possibile e condurre battaglie che hanno grande possibilità di vittoria migliora l’alito e previene la depressione; perché serve a qualche cosa!
Se entro un mese non riusciamo a ottenere la votazione in parlamento siamo dei quaraqquaquà e ci chiudiamo in bagno a piangere.
Niente scuse. Dai, cosa c’hai di meglio da fare che venire con me a protestare?

 

Jacopo Fo

 

0 commenti

L'Italia dei corrotti e la politica del fumo negli occhi

Pubblicato martedì 30 dicembre 2014 alle 14:42:47

Il premier Matteo Renzi, dopo il marciume emerso dalle inchieste della procura di Roma che vede coinvolti amministratori del Pd, di ieri e di oggi, della destra politica e criminali cosiddetti comuni che solo a sentirne il linguaggio un uomo con responsabilità pubbliche dovrebbe tenersi a distanza di sicurezza, ha deciso di commissariare il Pd della Capitale. Per dare un segno di...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
0 commenti

Il Colle ha (di nuovo) passato il limite

Pubblicato domenica 14 dicembre 2014 alle 15:44:58

Non ho mai avuto alcuna considerazione per Giorgio Napolitano (definito a suo tempo, da qualcuno, «coniglio bianco in campo bianco») e in questo senso ho scritto più volte e in particolare in un articolo pubblicato su Giudizio Universale nel giugno del 2006, quando fu eletto Presidente della Repubblica, poi rieditato in un libro di Chiarelettere del 2010. Ma questa volta...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
1 commenti

Il 'mondo di mezzo' che viene da lontano

Pubblicato martedì 09 dicembre 2014 alle 21:52:51

La debolezza della democrazia sta proprio in quella che viene considerata la sua essenza: la libera scelta da parte dei cittadini dei propri rappresentanti. Per la verità nella testa di Locke e Stuart Mill c'era che questa scelta riguardasse singoli individui. I partiti non erano contemplati. Ma queste aggregazioni si formarono quasi subito contraddicendo così nel profondo il...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
0 commenti

Fisiognomica politica

Pubblicato venerdì 05 dicembre 2014 alle 23:01:28

Ultimamente sembrano tornate di moda presso gli esperti di risorse umane quelle teorie pseudoscientifiche catalogabili sotto la fisiognomica, disciplina che partendo da Aristotele e passando per Lavater e Lombroso credeva di dedurre dall’aspetto delle persone i caratteri e le predisposizioni psicologiche e morali. Molti innocenti furono condannati solo perché avevano le facce da...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
0 commenti

Quel gran pezzo di Leopolda

Pubblicato lunedì 27 ottobre 2014 alle 14:08:28

Vignetta di Fab Non sono mai stato uno di sinistra col pugno alzato e non ho mai simpatizzato con i sindacati per partito preso. Talvolta aderisco agli scioperi, ma non sfilo in corteo. La maggior parte delle volte nemmeno aderisco. Poi, mi sento un po' in colpa, ma neanche tanto. Invece, all'inizio, ho capito ed approvato i discorsi innovativi di Renzi. Chi mi segue lo sa e...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
0 commenti

I Gufi di Matteo Renzi..

Pubblicato lunedì 18 agosto 2014 alle 17:32:55

La superstizione, come si sa, entra anche in politica. E non da ora. Sono famosi i generali della storia che non andavano in battaglia in certi giorni, interrogavano gli aruspici prima di importanti avvenimenti e decisioni di governo ecc. Non si sottrae neppure Matteo Renzi che, ad esempio, sembra “ toccarsi” quando vede passare il guru di Cinquestelle Casaleggio, o ripete...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
0 commenti

La soluzione creativa di Matteo...

Pubblicato sabato 02 agosto 2014 alle 17:06:32

Vignetta di Mario Airaghi Lo confesso, questo balletto intorno al senato non mi appassiona affatto, e non credo appassioni la maggioranza degli italiani. Eppure qualche zelante commentatore politico, bello spirito, ci ha raccontato che gli italiani, in grandissima maggioranza, prediligono il senato elettivo. Lo immaginate quanto gli puo’ fregare a un disoccupato,...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
0 commenti

Difendo e difenderò sempre Renato Vallanzasca. Ho un debito morale con lui

Pubblicato giovedì 26 giugno 2014 alle 19:55:56

Renato Vallanzasca è stato pescato a rubare in un Supermercato, l'Esselunga di viale Umbria a Milano. L'ho ha fatto nel modo più ingenuo. Una parte della merce l'ha pagata, l'altra, un paio di boxer, cesoie e concime per piante, l'aveva nascosto in un borsone. Beccarlo è stato un gioco da ragazzi. Bottino 70 euro. Chi non ha rubato in un...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
0 commenti

Un pericoloso sovversivo sembra si aggiri per i banchi di Palazzo Madama: l’onestà.

Pubblicato martedì 24 giugno 2014 alle 21:40:22

Vignetta di Roberto Mangosi Fedele all’antico e collaudato motto: ”Se lo incontri, lo eviti…”, ogni senatore adotta suoi specifici, particolari accorgimenti per non incorrere nel fastidioso tarlo che si può subdolamente insediare nella coscienza di ciascuno di noi. C’è chi si nasconde dietro lo scranno della presidenza, più...


Leggi tutto e guarda la striscia ->
0 commenti
Pagina   0   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14